Folklore, magia e tradizione: gli esseri tenebrosi e le figure oscure dell’immaginario sardo

Folklore, magia e tradizione: gli esseri tenebrosi e le figure oscure dell’immaginario sardo

Donne spaventose che assumevano le sembianze di mosche o gatti per succhiare il sangue dei neonati. Uomini il cui animo era macchiato da crimini indicibili che si trasformavano in buoi pronti ad annunciare le morti imminenti. L'immaginario sardo pullula di figure grottesche, spesso utilizzate per dare una spiegazioni ad alcuni eventi catastrofici.

roberto sacchetti - programmatore wordpress